jump to navigation

Schröder: elezioni anticipate in autunno 23 maggio 2005

Posted by Isadora in IsaSuOCE, PilloleDiGermania.
trackback

Ci siamo rimasti tutti un po’ così, con la forchetta a mezz’aria, mentre il telegiornale, alla fine di una tranquilla e piovigginosa domenica di maggio, ci mostrava Gerhard Schröder, il cancelliere tedesco, annunciare a muso duro che, vista la (prevedibile, dico io che sono maligna) schiacciante sconfitta alle elezioni in Nordrhein-Westfalen, un Land di operai e minatori in gran parte disoccupati, terra ospitante lo zoccolo duro della sinistra, per i prossimi quattro anni in mano alla coalizione cristiandemocratica e liberale (CDU e FDP), si andrà alle elezioni anticipate.

Da quando in qua ci si dimette solo perché le regionali sono andate male? Altri hanno dato, poche settimane fa, un esempio brillante di come si possa più o meno elegantemente glissare sull’opinione degli elettori e continuare per la propria strada facendo finta di nulla.

Schröder, invece, ha scelto un’altra strada, un anno prima della scadenza del mandato. Ha dichiarato che non sente il sostegno necessario alle riforme da parte dell’elettorato, nonostante i primi successi (ma ci crede solo lui, a ‘sti successi) delle riforme che dovrebbero arginare la disoccupazione galoppante e il deficit dello stato.

E così, se non ci saranno nuovi colpi di scena, (qui c’è già chi discute sulla costituzionalità di una tale proposta) al più tardi il 18 del prossimo settembre la Germania tornerà alle urne, probabilmente con una candidata (Angela Merkel, CDU) al posto di cancelliere.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: