jump to navigation

Notizie stellari 21 luglio 2005

Posted by Isadora in IsaSuOCE.
trackback

Due notizie di oggi, unite dal sottile, sottilissimo, filo dello spazio interstellare. Gli abitanti del pianeta terra, ultimamente, sembrano considerare lo spazio come una specie di zona franca nella quale depositare tutto ciò che sembra loro in qualche modo importante o degno di essere tramandato, o forse una soffitta in cui riporre cose che al momento non hanno utilizzo, ma che potrebbero rivelarsi di un qualche uso in futuro. Qualche maligno, leggendo le notizie che vi riporto, potrebbe anche fare l’azzardato paragone con una pattumiera di dimensioni infinite. Ma andiamo per gradi.

La prima notizia è un corollario di un avvenimento che i fans di Star Trek troveranno un po’ triste: James Doohan, l’interprete del leggedario Scotty della USS Enterprise, è morto alla veneranda età di ottantacinque anni e le sue ceneri verranno sparate (o beamate?) nello spazio dalla ditta texana Space Services, che già in occasione della morte dell’inventore della serie “Star Trek”, Gene Roddenbery, aveva provveduto al funerale interstellare.

La seconda notizia di oggi, che forse attirerà maggiormente il vostro interesse, è che la MindComet, una ditta statunitense, ha intenzione di “trasmettere” gratuitamente una serie di blogs (sì, avete letto bene, blogs) nello spazio. Ted Murphy, a capo di MindComet, è infatti convinto che esistano forme di vita intelligenti oltre alla popolazione terrestre e vuole in questo modo offrir loro una panoramica sullo stile di vita del terrestre medio. Particolare gustoso nel contesto è la particolare preoccupazione di Murphy per gli eventuali contenuti potenzialmente offensivi dei blog destinati allo spazio: gli autori che vogliono affidare i loro pensieri ai lettori extraterrestri sono pregati di fornire contenuti e fare uso di un linguaggio che non provochino i marziani. L’aggettivo è, tradotto alla buona, “adatti ad un pubblico familiare”.
Sembra che, fino a ieri, solo 340 bloggers abbiano ritenuto che i loro blogs rispondessero ai requisiti richiesti.

Da quando ho letto queste notizie, svariati pensieri mi frullano nella testa: ma i marziani parlano l’inglese? E non sarà che siano già offesi, perché gli spariamo addosso le ceneri dei nostri morti? E chi lo dice che contenuti adatti alle famiglie terrestri non siano offensivi per loro? Che penserebbe un marziano dell’homo sapiens se leggesse il blog della Vis? E se leggesse OCE? Insomma, mi sa che stanotte non dormirò.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: