jump to navigation

Salvate Bonifacio 15 gennaio 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
trackback

Il sorriso a trentadue denti mi fa immaginare che ci sia una notizia positiva in arrivo: I. è un tantino ingrassata, poco poco, quanto basta per ammorbidirle impercettibilmente i lineamenti ed addolcire ancora di più il suo sorriso. O forse sono gli occhi che brillano un pochino più del solito. Non saprei. Sono contenta di vederla così in forma. Quello che ancora non so e che forse avrei dovuto intuire è che la notizia positiva è una di quelle che cambiano la vita: è in arrivo il mio nipotino putativo. I. non è mia sorella, quindi non sarà un nipotino in senso stretto, ma, per me, nel mio cuore, un nipotino a tutti gli effetti.

Non ho ancora finito di rallegrarmi per la notizia, che il futuro papà mi annuncia che sembra ormai accertato che si tratti di un maschietto (e qui mi sono permessa un irriverente: ma siete sicuri? Non è che sia il naso?) e mi snocciola con aria sorniona una serie di nomi “papabili”. La lista comincia e finisce con un nome. Bonifacio.

Come? – dico io – Bonifacio?? Ma siete sicuri? E gli sventurati annuirono.

Provo a sondare il terreno con qualche bel nome “normale”: Andrea, Marco, Stefano, Luca, Paolo… Mi guardano con uno sguardo di velato compatimento. Il mio futuro nipotino non è un tipetto qualunque, ci vuole un nome particolare. Azzardo un: Filippo? Mattia? Ludovico? Nella mia testolina questo sarebbe il massimo dello straordinario a cui sarei disposta ad arrivare. Filippo e Mattia vengono bocciati senza appello, Ludovico diventa Lodovico, con la “o”. Il futuro papà è cortesemente irremovibile (la futura mamma aveva mostrato segni di cedimento su Mattia e Ludovico con la “u”, ma non c’è nulla da fare).

Ma – osservo in preda ad un crescente nervosismo – come lo chiameranno i compagni di scuola? Boni? Facio? Lodo? Un po’ di pietà, suvvia. Non si ammorbidiscono. Anzi, vengono fuori proposte ancora più astruse. Per il momento decidiamo di chiamarlo Ragù. Sono zia (putativa, sì, ma sono già entrata nel ruolo) da sì e no una mezz’oretta ed ho già fallito la mia prima missione. Il poverino sembra essere condannato ad un’infanzia di prese per i fondelli da parte di orde di piccoli e feroci Kevins e Madisons.

Ho dato il link di questo blog alla mia amica I. ed ora spero nel vostro aiuto per salvare il piccolo Bonifacio dalla catastrofe anagrafica. Salvate Bonifacio, ve ne prego.

Commenti

1. sgrignapola - 16 gennaio 2006

Al mio paese Il Bonifacio e’ lo sfasciacarrozze. Quando devi rottamare qualcosa “lo porti dal Bonifacio”. Di conseguenza nessuno si sognerebbe di chiamare il figlio Bonifacio.
Secondo me i genitori conoscono e stimano qualche Bonifacio. Il trucco e’ sapere chi e’ e smontarlo.

2. Minerva - 16 gennaio 2006

pochi giorni fa ho visto un fiocco azzurro con la scritta: “è nato Artù”.Bonifacio già è meglio, e poi è come dare un inizio ad una dinastia…..seguiranno nipoti e pronipoti , Bonifacio I,II,III………………..

3. Max - 16 gennaio 2006

credo che bisognerebbe lasciare in sospeso il nome di un neonato fino a quando potrà sceglierlo da solo …
adesso promuovo una raccolta di firme per una nuova legge

4. silvia - 16 gennaio 2006

io invece proporrei Manfredi (anche il versione Manfredo, ma mi piace meno). I miei amici siciliani hanno chiamato il piccolo Federico Ruggero e personalmente lo trovo molto bello!!!

sì, Isa, anziché spalleggiarti peggioro la situazione! ma a me i nomi rari piacciono, soprattutto nomi antichi nobiliari italiani, ormai quasi perduti. Non potrei mai chiamare una bambina Jennifer o Jessica (aarghh!!! ho l’orticaria al solo pensiero), ma non mi sentirei minimamente in colpa per Violante o Fiammetta🙂

5. matteo - 16 gennaio 2006

Ne abbiamo già parlato, del povero Bonifacio. Il problema è che si tratta di un bel nome elegante, medievaleggiante (il che non guasta, per carità), ma che, almeno a me, fa venire immediatamente in mente Bonifacio VIII.
Non che sia vietato dare al proprio figlio il nome di un personaggio storico importante, ma io, prima di chiamare il mio “Napoleone”, ci penserei due volte…

6. Isadora - 16 gennaio 2006

Grazie cari, siete dei tesori!

Sgrigna: lo sfasciacarrozze? Questa mi è nuova, ma è proprio carina!

Ma ciao Minnie! Effettivamente Artù è veramente da chiodi. In confronto Bonifacio è quasi bello…

Max, ottima idea! Allora tu prenditi cura della proposta di legge, ché noi provvisoriamente continuiamo a chiamarlo Ragù…🙂

Silvia, ti confesso che uno dei miei nomi preferiti è Tancredi, ma non so se avrei il coraggio di metterlo ad un mio eventuale figlio, che poi, poverino, dovrebbe andarci a spasso – volente o nolente – per tutta la vita…).

Matteo, ecco, sì, forse con l’accenno a Bonifacio VIII si potrebbe raggiungere qualcosa!

Vi terrò aggiornati.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: