jump to navigation

Io ho votato 28 marzo 2006

Posted by Isadora in IsaSuOCE, Sammelsurium.
trackback

Non ho votato “per”, ho votato “contro”. Contro ad un governo per il quale mi è spesso capitato di vergognarmi, che non ho voluto, non ho votato, non mi rappresenta, non rispetto e non riconosco.
Un governo che ha dimostrato ampiamente la propria incapacità, inadeguatezza, faziosità e dilettantismo in ogni questione affrontata. Per non parlare dell’energia criminale impiegata a stravolgere le fondamenta della democrazia nel nostro paese.

Una cosa positiva, questo governo, l’ha fatta. Ha dato a noi italiani residenti all’estero la possibilità di votare per corrispondenza ed io, oggi, ho cercato di farne l’uso migliore possibile, turandomi il naso, come diceva il buon Indro.

Intanto che aspettate di poter votare anche voi, potete diventare “attivi” cominciando con l’adottare un deficiente (ringrazio l’amico Xarface per la segnalazione).

Commenti

1. isadora - 29 marzo 2006

Ah, visto che qui nessuno commenta, vi metto un link alla discussione che si è sviluppata su OCE in seguito a questo post.

2. germanynews - 31 marzo 2006

Va beh… Mi dispiace. Io, per la prima volta al voto, darò loro fiducia. Peccato.
Fini premier!

3. isadora - 31 marzo 2006

Mamma mia, Giovannino… ma che fiducia vuoi dargli? Non hanno già abbondantemente dimostrato di essere degli incompetenti (per non dire altro)? Ma cosa devono distruggere ancora, quali altri valori devono calpestare perché l’Italia si svegli? E proprio voi giovani, accidenti, dovete fare qualcosa, se volete avere la possibilità di costruirvi un futuro. Svegliatevi!

4. germanynews - 31 marzo 2006

Stai tranquilla, rilassati… I giovani compagni sono già al lavoro per riconsegnare l’ultimo pezzo della società (Il Parlamento) alla sinistra. Poi finalmente avranno tutto e dovremo ricominciare a pagre la tassa sulla salute, la tasse sull’acqua, la tassa per l’Europa, la tassa per… Me ne rallegro. Io dò loro fiducia non perchè sia un berlusconiano convinto, ma perchè molte cose fatte mi sono piaciute, le ho condivise. Molto altro resta da fare ( e nessuno lo nega, a parte quel pazzo di Berlusca), ma ho fiducia. Con la sinistra si è visto come va… Non vi sono bastati gli anni di Prodi; D’Alema 1, D’Alema 2 e Amato? Io credo che gli italiani abbiano dimenticato troppo in fretta. Io con questo Governo di vantaggi ne ho avuti. Non abbiamo dovuto pagare una tassa di successione-rapina quando mia zia (a cui avevano da pco aumntato la pensione minima) due anni fa è morta. Mia madre che lavora come traduttrice per l’Adelphi ed Einaudi non paga più un centesimo di tasse (è entrata a far parte della fascia NO TAX AREA). La patente a punti mi è piaciuta e funziona, la legge Bossi-Fini ha contribuito a regolarizzare la nostra donna delle pulizie che viene dalla Romania (che ogni giorno loda Berlusconi borbottando in romeno contro Bertinotti che “non ha mai visto il comunismo”). Tu, dall’estero, puoi votare.(…). Non mi pare che non sia sia fatto nulla. Certo, non bene, con errori contraddzioni, stupidaggini e volgarità. Ma io sinceramente di dare il voto a Prodi (che ieri ha insultato un radio-ascoltatore dandogli del “matto”), Fassino, Rutelli e all’estrema non me la sento proprio. Esistono- come ha detto Fini l’altra sera- due sinistre (l’una riformista (1?) e l’altra estremista che porteranno il pase al tracollo. E così sarà.
Fini premier!

5. isadora - 1 aprile 2006

Giovanni, tutti gli estremismi portano al tracollo. Di destra e di sinistra. Tu Fini e AN li hai conosciuti ora, che al confronto con il resto della marmaglia al governo ci fanno pure la figura delle persone serie, io mi ricordo com’erano qualche anno fa, e, siccome non vengo sottoposta al lavaggio del cervello multimediale quotidiano a cui siete sottoposti voi che risiedete in pianta stabile in Italia, faccio fatica a considerare un Fini come una persona di cui fidarmi (comunque, sì, meglio Fini di Bossi o Berlusconi, non c’è pezza).

[Io ho sempre votato, comunque, solo che, prima di questa novità, prendevo l’aereo e facevo visita ai miei per qualche giorno.]

Prodi ha dato del “matto” ad un ascoltatore (molto bolognese, questa cosa, me l’immagino: “mo le l’è propri un matt!!”), Berlusconi ha dato del Kapó ad un parlamentare tedesco il giorno dell’inaugurazione del semestre presidenziale dell’Italia all’UE. Sono contenta di aver votato Prodi.

La sinistra, comunque, non dovrà fare molto per portare il paese al tracollo, perché il paese è già al tracollo. La giustizia è delegittimata, l’economia in condizioni disastrose, la credibilità della nostra classe politica all’estero è a zero, così come il peso politico dell’Italia all’interno dell’UE, la libertà d’opinione è a livello di dittature del terzo mondo. La devolution introduce nuovi squilibri a sfavore del sud (specialmente sui temi istruzione e sanità). L’ingerenza della chiesa cattolica nella vita politica del paese ha raggiunto livelli intollerabili, ultimo esempio clamoroso fu il lavaggio del cervello in ocasione del referendum sull’infame legge 40.

Basta così, o devo andare avanti?

6. germanynews - 2 aprile 2006

Non posso che non condividere quello che dici, in particolare sulla legge 40. Ruini poteva in effetti non dire nulla o meglio non dire se andare a votare o no. Ma non è questo il punto. La Chiesa su temi chiave (esiste una accademia pontificia pro vita nel caso in cui te lo fossi dimenticata) deve sempre parlare. E’ in gioco la dignità della vita umana e la Chiesa non può stare zitta. Anzi non deve. Io l’ho vissuta molto amle qusta campagna referendaria per un unico motivo: c’erano tutti i gironali contro, a parte Giuliano Ferrara che, grazie ad illuminanti articoli della bravissima Annalena Benini, ha sensibilizzato con uan grande btaglia culturale l’opinione pubblica (Ricordo che il numero del 12 Giugno uscì come: “Il FIGLIO”, geniale…). Purtoppo i laicisti integralisti esistono e bisogna conviverci, ma la battaglia sulla legge 40 è stata vint con le idee. Appena il 20% dell’elettorato è andato a votare sì. Sconfitta su tutta la linea. Libertà di opinione? Io viov tranquillo e senza problemi. Il presidete della Rai è un senatore DS. LA classifica redatta da Freedom House era una grande bufala o meglio è stata interpretata male da quel coglione di Celentano (che non sapeva nulla della condanna al carcere per un reato d’opinione del giornalista e senatore di Forza Italia Lino Jannuzzi). Io i conflitti di interesse in italia non li vedo soltanto dove c’è Berlusconi. Ah, e lo sai una cosa? se Berlusconi si è fatto le leggi ad personam, adesso la sinsitra farà le leggi contra personam (vedrai, vedrai…). L’economia è allo sfascio… Sì’, se guardi tutti i giorni il Tg3. Certo non si sta benissimo, ma si è fatto quel che si è potuto. Berlusconi aveva reagito male palrando a Schulz, ma Prodi è stato volgare nei confronti di un cittadino. Tu sei tranquilla perchè le tasse non inizierai a pagarle salate, ma noi non siamo tranquilli…In ultimo: è vero che il governo Berlusconi ha portato l’Italia sull’orlo del baratro.. Prodi le farà fare un passo avanti…” Ciao cara!
Santa Vita!
G.

7. germanynews - 2 aprile 2006

E dimenticavo FINI PREMIER!!!!

8. isadora - 2 aprile 2006

Ti perdono le parole sulla legge 40 perché sei piccolo, maschietto e probabilmente dal punto di vista strettamente tecnico non hai capito la problematica. Comunque sia, a parte le questioni strettamente tecnico-scientifiche: l’Italia è uno stato laico e la Chiesa cattolica non ha il diritto di mettere il naso in questioni politiche, adducendo tra l’altro puttanate di argomenti falsi e falsati, senza alcun fondamento scientifico, ma spacciandoli per tali. La Chiesa ha il dovere di difendere la propria visione e le proprie convinzioni, ma non il diritto d’imporle d’ufficio a chi non le condivide. E qui non c’è discussione.

9. silvia - 3 aprile 2006

sai, Isa, ieri, dopo che mi hanno dato l’ennesimo volantino fac-simile delle schede elettorali, ripensavo all’incipit del tuo post “ho votato contro” e così mi è venuta una di quelle idee assurde e stupide: sulle schede elettorali dovrebbero mettere una casellina “ALTRO” o se preferisici “NESSUNO DI QUESTI”. Ora, potresti contestarmi che se uno fa scheda bianca o nulla più o meno dice la stessa cosa, invece no: perché bianca o nulla finisce nel calderone in qualche forma di proporzione, ma se esistesse legalmente il votare contro, dire ufficialmente “non me ne va bene nessuno” e poterlo esprimere, chissà se servirebbe a qualcosa… ma forse il primo caldo e il mio sangue anarchico mi hanno offuscato il neurone già duramente provato!🙂

10. germanynews - 4 aprile 2006

senza alcun fondamento scientifico, ma spacciandoli per tali….
Chiedi a Paola Binetti, ex Presidente del Comitato Scienza e Vita, nonchè neuropsichiatra infantile se non aveva fondamenti scientifici quello che si diceva…. Husserl dovrebbe averci illuminato su questO. La scienza deve essere al zervizio dell’uomo e non l’uomo al servizio della scienza. Io delle questioni tecniche ero eprfettamente a conoscenza, dato che faccio parte del Movimento per la Vita. La Chiesa ha tutto il diritto di dire ciò ce vuole. Sta a noi non ascoltarla…
Ciao!
P.s:: apsetterei qualche post….:)

11. isadora - 4 aprile 2006

Giovanni, che titoli di studio occorrono per fare parte del Movimento per la Vita? Se permetti mi fido più dei colleghi Dulbecco e Montalcini che della signora Binetti.
Per rinfrescarti la memoria sulle questioni a suo tempo in ballo ti metto qui un link: se vuoi puoi anche spedirlo ai tuoi colleghi del Movimento per la Vita:
http://www.molecularlab.it/fecondazione_assistita/

Una cosa sola: la scienza non può essere al servizio dell’uomo, al massimo la tecnologia. Per un semplice motivo: l’uomo non possiede la scienza e nemmeno la capisce del tutto.

Sulla questione “La Chiesa ha il diritto di dire ciò che vuole” siamo d’accordo. Finché lo fa a casa propria. Ma non ha il diritto di infiltrare le istituzioni, né di cercare di sostituirsi allo Stato.

Direi che la questione della mia collaborazione con germanynews si sia conclusa qui. Senza faccine.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: