jump to navigation

La strada del barocco 14 maggio 2006

Posted by Isadora in StradeATema.
trackback

BarockstrasseSettecentocinquanta chilometri che si snodano nel territorio compreso fra il Danubio ed il lago di Costanza a collegare più di cento chiese, conventi e castelli accomunati dallo stile barocco, che caratterizza l’architettura sveva nel suo periodo più vivace in seguito agli anni bui della guerra dei trent’anni.

La fioritura dell’architettura barocca in Svevia fu dovuta soprattutto al forte influsso della Chiesa cattolica che, uscita vincitrice dalla guerra dei trent’anni e col vento della Controriforma a suo favore, celebrò se stessa erigendo imponenti edifici sacri fino all’inizio del XIX. Secolo, quando Napoleone decretò la soppressione degli Ordini, l’espropriazione dei beni ecclesiastici e la chiusura delle abbazie e dei conventi. Nel XX. secolo ebbe inizio il processo di recupero dell’eredità barocca e nel 1966 fu fondata la strada del barocco, che si estende su territorio tedesco, austriaco e svizzero.

Tra gli edifici più significativi il convento benedettino di Zwiefalten (a cui apparteneva anche una birreria che ancora oggi – anche se non più per mano dei monaci – produce ottime birre), la Basilica di Weingarten, la più grande basilica barocca in Germania, soprannominata “la San Pietro sveva”, il santuario di Birnau sulle sponde del lago di Costanza e il santuario di Steinhausen, realizzato da Dominikus Zimmermann, uno dei massimi rappresentanti del barocco in Germania.

Per il quarantesimo compleanno della strada del barocco, che ricorre quest’anno, sono previste numerose manifestazioni, tra le quali, nel periodo da maggio ad ottobre 2006 il “Kulinarisch Barok” (barocco culinario): in più di sessanta ristoranti lungo la strada del barocco sarà possibile gustare specialità e bevande del periodo.

Informazioni (in lingua tedesca) sul sito ufficiale della Barockstraße, da cui è tratta anche l’immagine riprodotta in questo post.
Il percorso della strada del barocco

Advertisements

Commenti

1. viaggioadagio - 16 maggio 2006

La strada del barocco

Quarantesimo anniversario della Barockstrasse in Svevia…

2. Francesca - 17 maggio 2006

Molto interessante e sicuramente molto bello da vedere.

3. fiordizucca - 17 maggio 2006

bello qui! interessante il post sulle forchette, tanto per restare in tema 🙂 grazie della visita. ora mi metto a curiosare qui 🙂

4. silvia - 17 maggio 2006

Isa…
ma niente niente ti va mica di metterci ad organizzare visite guidate e viaggi a carattere “culturaludicogodereccio”, magari prevedendo soste culinarie ad hoc e visite a cantine che meritano di essere ricordate?
che dici, la finiamo di fare lavori freddi, ripetitivi, troppo scientifici e senza anima? … io ne ho le tasche piene…
😉

5. CR42Falco - 18 maggio 2006

Silvia, noi ci stiamo provando…
🙂

6. isadora - 18 maggio 2006

Hey, ma che bello, quante firme nuove! Ben arrivati!!

Francesca e fioridizucca, spero che le mie pseudoricette semiserie non vi abbiano fatte scappare a gambe levate! (Io adoro cucinare, ma mi manca il coraggio di esperimentare con i sapori, quindi lascio a chi ce l’ha, come voi, il compito di creare e testare nuove appetitose combinazioni e mi limito a riprodurre ai fornelli e, ogni tanto, a ricamarci su delle storie…)

Silvia, non so se sarebbe così divertente se fosse un lavoro vero e proprio…

CR42Falco benarrivato anche a te… che state provando? 🙂

7. freccia - 19 maggio 2006

ma che bel posticino…

8. isadora - 21 maggio 2006

Freccia, salta sulla moto e vieni a farti un giro… 😉


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: