jump to navigation

La suocera creativa 28 luglio 2006

Posted by Isadora in ParentiSerpenti.
trackback

Mia suocera è una signora risoluta e un po’ ribelle, che non si lascia imporre alcunché, da chicchessia. Questa sua inclinazione, unita ad un indomito empirismo ed alla curiosità per tutto ciò che è nuovo, la porta ad evitare accuratamente di seguire, anche solo per caso, manuali d’istruzioni e/o ricette di cucina.

Nel corso degli anni questa miscela esplosiva ha provocato una serie di incidenti esilaranti, dal tentativo di ingoiare intera un’aspirina effervescente, agli aerosol con lo spray nasale, alla morte precoce di un ferro da stiro da viaggio acquistato negli Stati Uniti al primo utilizzo – in Europa, ai fuochi d’artificio nel microonde grazie al foglio di alluminio che ricopriva la pietanza, nonché ad una moltitudine di clamorosi insuccessi culinarî. Il tutto, però, non sembra averla turbata, né aver smorzato la sua consueta intraprendenza o la sua curiosità.

La cosa di cui a tutt’oggi non riesce a capacitarsi è, come mai il resto del mondo che la circonda sia in grado di riprodurre in modo più o meno costante lo stesso piatto pur cucinandolo in giorni diversi o addirittura a distanza di mesi facendo uso di uno dei sistemi che più le sono invisi e sospetti: seguire le ricette (proprie o di conoscenti o libri di cucina).

La proverbiale perseveranza ed un’indomita forza di volontà la portano, però, a reiterare i tentativi ed io tremo ogni volta che, dopo aver assaggiato una qualsiasi delle pietanze da me preparate, inevitabilmente mi sento arrivare l’immancabile richiesta della ricetta alla quale seguirà qualche giorno dopo la lamentela, perché il risultato non è stato all’altezza del prototipo, con implicito sospetto che non le sia stato rivelato il trucco.

Questa procedura viene applicata non solo alle mie, di ricette, ma anche a quelle di amici e parenti nonché di riviste e libri di cucina. Una specie di congiura mondiale ai suoi danni, in cui tutti gli altri sono a conoscenza di misteriosi segreti di cui si ostinano a non metterla a parte. Andando in realtà a scavare un po’ sotto alla superficie si scopre che la signora esegue ricette di fantasia ispirandosi all’originale per creare nuovi piatti in base a: a) l’attuale contenuto di frigorifero e dispensa (“ma sai, non avevo la cipolla e ci ho messo l’aglio e poi non avevo il petto di tacchino, ma delle ottime costolette di maiale”), b) la disponibilità di tempo e pazienza (“eh, ma mica ne avevo voglia, io, di spellare i pomodori e di cuocere le verdure separatamente, così le ho messe giù tutte insieme”) e, c) la supponenza (“ah, baking soda non vuol dire lievito istantaneo?” – La funesta frase fu pronunciata di fronte a muffins preparati secondo originale ricetta americana, inspiegabilmente usciti dal forno con l’aspetto di biscotti secchi).

La settimana scorsa, però, mia suocera è riuscita a superare sé stessa: dopo aver assaggiato una (effettivamente buona) torta di frutta di mia cognata ed averne tessuto abbondantemente le lodi, è passata all’attacco di rito, del quale io, fortunatamente, questa volta sono stata solo spettatrice. “Ah, ma che torta fantastica, devi assolutamente darmi la ricetta!!” Mentre io interiormente già sogghignavo pensando all’ennesimo fiasco, arrivava l’inaspettata risposta della cognata, che, donna di poco spirito, si sentiva un attimo presa per i fondelli: “Veramente questa è la ricetta che mi hai dato tu qualche settimana fa”. Mentre noi ci rotolavamo dalle risa sotto al tavolo, mia suocera se n’è uscita con una risposta degna di un consumato diplomatico: “Eh, ma sai, io le ricette le cambio sempre e poi mi dimentico come avevo fatto, quindi sarebbe carino da parte tua, se mi potessi dare questa versione”. Geniale, no?

Commenti

1. riccionascosto - 28 luglio 2006

Pessima cuoca ma con ottima ripresa, devo dire.
Una scattista, insomma, tua suocera…😉

2. Silvia - 28 luglio 2006

io DEVO conoscerla!😀
Questa donna è un genio.
(è bionda?😉 )

3. isadora - 28 luglio 2006

Mia suocera è un mito. Mi fa impazzire, ma in realtà l’adoro. In questa speciale occasione, poi, quanto a paraculaggine ha davvero superato sé stessa.

4. Eulinx - 30 luglio 2006

Geniale! Simpaticissima!
Ho le lacrime agli occhi al pensiero che si possa provare ad ingoiare l’aspirina effervescente!! 😀

5. isadora - 31 luglio 2006

Eulinx, effettivamente quella storia lì meriterebbe un post a sé stante…😀

6. Silvia - 31 luglio 2006

Mia cara Isa, con la risposta a Eulinux ti sei messa in buca da sola… ora ti tocca!😀

7. PlacidaSignora - 1 agosto 2006

Dovrebbe dedicarsi alla carriera politica, tua suocera…;-DD**

8. isadora - 1 agosto 2006

Placida, sì, hai proprio ragione!

Silvia, non mi faccio mettere in buca così in fretta… e poi ce n’è tante di storie sulla suocera!

9. Baebs - 3 agosto 2006

Anch’io sono una cuoca creativa (non mi piace seguire le ricette…) ma tua suocera devo dire che é proprio da guinnes dei primati!

Un abbraccio e a presto per una buona pizza in compagnia😉

10. isadora - 3 agosto 2006

La suocera è un mito. Guarda che io per la pizza ci conto, eh?🙂


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: