jump to navigation

Scrivere l’essenziale 1 agosto 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
trackback

È un po’ il mio dilemma quotidiano, il dilemma di chi, nel piccolo spazio di un testo da fagocitare velocemente sullo schermo di un computer, vorrebbe esprimere un concetto che gli sta a cuore. Io ci riesco raramente, anzi, non ci riesco mai. A volte, rileggendo, mi accorgo di aver raccontato di tutto, tranne quello che volevo dire, di aver tralasciato o solo accennato quello che in realtà sarebbe stato il nocciolo, l’essenza. Incapacità? Paura? Pudore? Forse tutte e tre le cose insieme.

È difficile essere concisi ed efficaci, andare dritti all’osso senza cincischiare, superando la paura di essere fraintesi, incompresi, malinterpretati, falsati. E così finisce che imprigioniamo i nostri pensieri in una rete sottile e vischiosa di chiose, introduzioni, spiegazioni, premesse e conclusioni, per poi accorgerci di aver mancato il centro della questione o di averlo abilmente eluso.

La sfida si chiama “scrivere l’essenziale” ed è una sfida vera e propria, che quest’anno è alla sua terza tornata e che comincia ufficialmente oggi. Qual modo migliore per scrollarsi di dosso il torpore estivo che riflettere sull’essenza di ciò che si vuole dire? Io raccolgo, partecipo (ma che fatica!) e segnalo l’iniziativa, che mi pare davvero intrigante, sperando che siano tanti a raccogliere l’invito.

Annunci

Commenti»

1. giocatore - 1 agosto 2006

Grazie per la segnalazione, Isadora, e per il tuo testo 😉

2. isadora - 1 agosto 2006

Come dicevo, Giocatore, è una sfida intrigante (e io adoro le sfide) 🙂

3. carla - 2 agosto 2006

ciao bella mora,
io sto bene , mi hanno detto che sto sana. sono sollevata.
amica mia, io ti penso che stai bene e quasi quasi partecipo anch’io al gioco dell’essenziale, ma prima devo capire come funziona che io sono tarda nelle istruzioni, pensa che qualche volta ho difficoltà a compilare un vaglia o quella roba lì di così difficile comprensione.
ti bacio e abbraccio con grande affetto.
funa

4. isadora - 2 agosto 2006

Che bella notizia fufù, sono proprio contenta che tutto vada bene!! Partecipare è semplice semplice, e secondo me questo è pane per i tuoi denti.
Un bacione grande 🙂

5. Silvia - 2 agosto 2006

Ciao Carla, hai visto che avevo ragione riguardo allo stress da vita pubblica? 😉
Sono molto contenta per te!

6. sgrignapola - 2 agosto 2006

son contento pur io, Carla.

7. carla - 3 agosto 2006

e io anche, son contenta! :)))
grazie silvia e mafalda , ma si è mai visto uno sgrignapola scontento? :))))
baci cari
la fu

8. isadora - 3 agosto 2006

se almeno sapessi cos’è, uno sgrignapola… 😀

9. riccionascosto - 3 agosto 2006

Sono contenta anch’io (chettelodicoaffà? 😉 ), Fu, però secondo me dovresti sequire il consiglio dell’Isa, e partecipare anche tu.
E’ semplice, e non hai neanche il bisogno di registrarti…

10. sgrignapola - 4 agosto 2006

Scrivere l’essenziale mi sembra una roba da azioneparallela in jam session con severino.

Uh…la sgrignapola e’ un animale notturno. Di piu’ non posso dire.

11. carla - 5 agosto 2006

da noi sgrignapola sta a significare un attacco incontrollato di ridarella come diceva la cara minni: che sia un animale notturno mi giunge nuova e mi incuriosisce assai. esistono anche qui nella bergamasca le sgrignapole?
ciao riccio , grazie di avermi ricordata.
tentare di scrivere l’essenziale è mica roba da ridere perchè l’essenziale non fa mai ridere, ma fa molto bene.
l’essenziale: na parola!
io mi accontento di riconoscerlo ,a volte, l’essenziale, scriverlo beh, quanto mi piacerebbe! viverlo, beh, una grande aspirazione.
vi abbraccio
la funambola

12. isadora - 5 agosto 2006

fu, togli un “beh” a questa: io mi accontento di riconoscerlo ,a volte, l’essenziale, scriverlo beh, quanto mi piacerebbe! viverlo, beh, una grande aspirazione. e spedisci!

La questione delle sgrignapole si fa sempre più interessante 😀

13. sgrignapola - 7 agosto 2006

Carla: le sgrignapole vengono proprio dalla bergamasca, dove a quanto mi risulta la ridarella e’ la “grignaröla”.

14. carla - 7 agosto 2006

sì è vero, e ora dicci per favore di quale animale trattasi: è una specie di iena volante?

15. sgrignapola - 7 agosto 2006

L’unica cosa che ha in comune con la jena e’ che e’ un mammifero.

16. carla - 8 agosto 2006

pipistrello, cazzo!
ma perchè ce l’hai fatto sospirare così tanto?
te la tiri o sei un burlone?:)
che hai in comune con questo grazioso e timido animaletto?

in bergamasco si pronuncia gregnarola, con la o stretta

17. silvia - 8 agosto 2006

Ora mi informo… visto che con un bergamasco ci vivo da 12 anni… !!!

18. sgrignapola - 8 agosto 2006

Brava carla !
Volevo lasciare un po’ di suspance. Cosa ho in comune con la sgrignapola? Essere un mammifero e di svegliarmi quando voi andate a dormire (piu’ o meno). Comunque la jena volante mi piace.

19. isadora - 8 agosto 2006

grande siparietto – e anche per oggi abbiamo imparato qualcosa di nuovo (non ci sarei mai arrivata…)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: