jump to navigation

Mozart proibito 26 settembre 2006

Posted by Isadora in Berlino.
comments closed

Tre anni fa l’allestimento di Hans Neuenfels dell’opera “Idomeneo” di Mozart alla Deutsche Oper di Berlino aveva causato grosse proteste da parte di alcuni gruppi di religione musulmana che si erano sentiti offesi per via del finale in cui venivano presentate le teste mozzate di Nettuno, Cristo, Maometto e Budda. Ieri la Deutsche Oper, che nel frattempo ne aveva programmato la ripresa in Novembre, ha deciso di toglierla dal calendario per “questioni di sicurezza” e sostituirla con “Le nozze di Figaro”.
continua a leggere >>

Annunci

The Last Kiss 26 settembre 2006

Posted by sgrignapola in L'angolo di Sgrigna.
comments closed

The Last KissL’altra settimana passo davanti ad un cinema. Guardo di sfuggita uno di cartelloni delle prossime visioni. The Last Kiss – leggo distratto e penso: come il film italiano. Mi avvicino e sbircio in fondo sui soliti caratteri allungati e cerco come di abitudine il nome del regista: Tony Goldwyn: non mi dice niente. Sposto lo sguardo e – urco – leggo Muccino. È proprio lui allora. Ma come un remake?

Eh be’ sí un remake. Di un film così?…Così italiano. Con tutte quelle idiosincrasie da trentenne italiano. Con tutte quelle situazioni così tipicamente italiane. Per un pubblico americano? Allora vado a vederlo – penso, come se fosse un sociologico Esercizi di stile. Il remake è dignitoso, ma non è certamente fresco e brillante come l’originale (basta guardare una foto di Rachel Bilson e una di Martina Stella) per capire la differenza tra i due film.
continua a leggere >>

Appunti di viaggio 21 settembre 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
comments closed

A Monaco è tempo di Oktoberfest e la gente se ne va in giro vestita come in una pubblicità di birra: insospettabili impiegate si aggirano in Dirndl per i corridoi della centrale, signori in Lederhose passeggiano per la città e nessuno (a parte gli aliens come me) sembra farci caso. La nostra grande Madre ha addirittura prenotato i posti, suddivisi per dipartimento: all’entrata basta dire alla tettuta signorina di quale unità si faccia parte per venire efficientemente dirottati al tavolo giusto e tutti – a Monaco – si comportano come se fosse una cosa normale. Il resto della Germania, ingenuamente convinto che l’Oktoberfest sia un’istituzione per turisti giapponesi, non si capacita. E io con loro.

Durante una pausa tra una riunione e l’altra faccio un giretto per i miei blog preferiti per rilassarmi. Andate a leggervi questo post della Viscontessa, un piccolo cameo sulle idiosincrasie dei blogger. Ho riso di cuore (e qua e là, lo ammetto, mi ci sono ritrovata – e ci ho ritrovata anche lei…).

In treno sono tutti indaffarati con miriadi di laptop e cellulari. Il laptop ce l’ho anch’io, ma il solo pensiero di aprirlo per leggere l’ennesima presentazione in power point mi fa venire l’angoscia. E poi il ragazzetto seduto di fianco a me, che da quando siamo partiti scrive mails col blackberry e telefona col motorola, mi sta facendo diventare isterica. Questi appunti sono il meglio che possa fare in queste inumane condizioni di inquinamento acustico. Perdonatemi.

Quando finisce un amore 20 settembre 2006

Posted by Isadora in PilloleDiGermania.
comments closed

Almeno in Germania, basta rivolgersi alla Trennungsagentur, un’agenzia specializzata nella chiusura professionale di relazioni amorose. Il concetto è semplice: l’agenzia offre quattro “prodotti” ad un prezzo più che abbordabile: per 19,95 € si può scegliere tra le opzioni “Rimaniamo amici” e “Lasciami in pace”; in ambedue i casi il contatto tra l’agenzia e lo “scaricato” è esclusivamente telefonico.
Per 29,95 si può optare per il rimpallo scritto, mentre un colloquio di persona costa, nel migliore dei casi, 49,95 €.
continua a leggere >>

Misteriosi reperti 17 settembre 2006

Posted by Isadora in MusicaMusica.
comments closed

L’ottimista nasce in piedi
di sette mesi o poco prima
ha la camicia pronta già stirata
e la mascella volitiva

Lui frequenta gli ambienti più strani
basta solo che siano mondani
ha per tutti un solo ed unico discorso
viva l’Italia dal garofano rosso

continua a leggere >>

Sogni che si avverano 16 settembre 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
comments closed

C’è una frase, che viene attribuita a R. W. Emerson, che recita “guardati da ciò che desideri, perché potresti ottenerlo”. Ed è proprio così, bisogna fare attenzione ad esprimerli, i desiderî, i sogni, perché troppo spesso, quando si avverano, non sono poi così meravigliosi come ce li eravamo immaginati, o si avverano nel momento sbagliato, o magari sono proprio così come ce li eravamo pensati, ma portano con sè conseguenze impensate.
continua a leggere >>

Downshifting 11 settembre 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
comments closed

È una voce del New Oxford Dictionary e significa: “scambiare una carriera economicamente soddisfacente, ma stressante, con uno stile di vita meno faticoso e meno retribuito, ma più gratificante dal punto di vista personale”. Così recita l’incipit di un articolo apparso oggi sul sito di tagesschau.de, il portale dell’omonimo telegiornale. Un fenomeno così diffuso, almeno in Gran Bretagna, da far entrare questo neologismo nei vocabolari ufficiali della lingua inglese.
continua a leggere >>

Riassumendo 10 settembre 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
comments closed

La settimana è stata ricca di eventi, il Papa è arrivato in Baviera e i più contenti sono i produttori e rivenditori di articoli vari di merchandising, che, imparata la lezione dei mondiali appena passati, si sono lanciati nella produzione di svariati gadgets di dubbio gusto, ma di sicura presa: solo il “Papstwurst” e la “Papstbier”, requisiti di base per una santa grigliata, sono stati ritirati dal mercato. In compenso è ancora reperibile il “Vatikanbrot”, il pane del vaticano.
continua a leggere >>

George 7 settembre 2006

Posted by Isadora in Sammelsurium.
comments closed

George è calvo e porta occhialetti verdognoli. Ogni tanto sorride un po’ timidamente, ogni tanto lancia sguardi perplessi da dietro ai suoi occhialini. Gorge è un avatar, una creatura virtuale, dotato di intelligenza artificiale.
Con George si possono scambiare due chiacchiere e lui, più chiacchiera, più impara e, di chiacchiera in chiacchiera, il gioco si fa sempre più divertente.
continua a leggere>>

Salvate Linda 5 settembre 2006

Posted by Isadora in PilloleDiGermania.
comments closed

Che cosa c’è di più tipico tedesco, nell’immaginario collettivo, delle patate? Non del tutto a torto, effettivamente: in Germania c’è uno specifico tipo di patata per ogni piatto, a seconda della consistenza, del colore, del sapore, delle dimensioni. Hanno nomi interessanti (Astoria, Beluga, Bolero, Lolita, Topas…), a volte esotici. Per quanto strano possa quindi apparire ad un italiano medio, la Linda di cui si parla qui non è una ragazza, ma, appunto, una patata. Per l’esattezza si tratta di una specie particolare di patata che, dopo un’onorata carriera trentennale, rischia di essere ritirata dal commercio.
continua a leggere >>