jump to navigation

Ritorno a casa dal ridere 10 ottobre 2007

Posted by sgrignapola in L'angolo di Sgrigna.
trackback

La mattina do sempre un’occhiata al Corriere. Tra i giornali on-line aveva la grafica che preferivo, è cambiata da poco e tra poco cambierò anch’io. Qualche mese fa ho letto della morte di Luigi Meneghello.
Il nome mi diceva poco, forse era uno nella lista che la mia prof di italiano aveva distribuito a metà anno della maturità. Una di quelle liste impossibili con un centinaio di libri da leggere e poco tempo.
E Luigi Meneghello, per me, è restato lì, su quella lista.
Poi sono tornato in Italia a far le ferie e in un libreria mi è capitato sotto le mani Libera nos a malo, mi sono ricordato dell’articolo e l’ho aggiunto alla spesa.
Ieri sera l’ho finito. Mi mancavano un paio di capitoli da una settimana e volevo tiralo per le lunghe. Raramente mi capita di non voler finire un libro, perché è troppo bello e non voglio lasciarlo. L’ultima volta dev’essermi successo con il Viaggio di Celine.
Giusto per dirvi quanto mi è piaciuto, adesso il capolavoro francese a paragone mi sembra quasi uno sterile esercizio di punteggiatura.
Se siete nati in una grande città e non parlate nessun dialetto, non provate neppure a leggerlo. Questo libro viene da un posto dove “l’italiano è una lingua solamente scritta”.
Da dove vengo io la lingua italiana è qualcosa che appartiene alle scuole e alle poste. Probabilmente per molti non è più così, per tutti gli altri leggere questo libro sarà profondo come un’autoanalisi e divertente come una serata tra amici.
Mi sono sorpreso a ridere “a voce alta” almeno una pagina sì e una pagina no, ho rivisto persone e cose come se fossero le mie: sono tornato a casa.

Commenti»

1. Isadora - 10 ottobre 2007

Uh, questo lo metto nella lista dei prossimi acquisti…

2. dioniso - 10 ottobre 2007

Mi hai incuriosito. Forse lo leggerò.

3. sgrignapola - 10 ottobre 2007

Per curiosita’ voi che dialetto parlate?

4. isadora - 10 ottobre 2007

sgrigna, io parlo il bolognese con un lieve accento “montanaro”🙂

5. sgrignapola - 10 ottobre 2007

“montanaro” e’ una garanzia😉

6. dioniso - 11 ottobre 2007

Ciao Sgrigna, l’ho messo nella lista dei libri da comprare a metà prezzo alla fiera del libro di Francoforte. Spero che ci sia. Andremo domenica.
Io sono nato in un paesino collinare della Sabina. Nei primi anni di infanzia non parlavo il dialetto ed ero considerato un diverso o “romano”. Il mio desiderio di integrazione mi spinse ad esprimermi in dialetto a partire dalla prima elementare. Per anni ho quindi mantenuto un bilinguismo dialettale: pesudo italiano/romano in famiglia e dialetto sabino al di fuori. Mi divertiva molto usare anche termini dialettali ormai desueti usati ormani solo dalla generazione dei miei nonni.

Tu da dove provieni?

7. silvia - 11 ottobre 2007

Me lo segno anch’io, che mi incuriosisce.
Ah, lericino (che è abbastanza diverso dallo spezzino).

8. sgrignapola - 11 ottobre 2007

Bergamasco, di una delle valli.

9. silvia - 11 ottobre 2007

Pòta!😀

10. isadora - 11 ottobre 2007

Silvia, non lo sapevi?🙂 🙂

11. silvia - 11 ottobre 2007

La zona sì, visto lo scambio sulla faccenda del nick in passato… ma proprio delle valli? Sgrigna, ti prego, dimmi che non giri con zoccoli, pantalone a mezzo polpaccio e gilet di pelliccetta di agnello…😀

p.s. che fine ha fatto la fu? mi manca…

12. sgrignapola - 11 ottobre 2007

Pota certo!
Pellicceta d’agnello? Ma per chi mi hai preso per un pastore del presepio?🙂
Da noi ci sono (c’erano) quasi solo mucche. Ovviamente di razza brunoalpina. La mia tenuta tipica e’ zoccoli fatti a mano (vedi film di Olmi, che pero’ e’ girato nel dialetto della bassa), pantaloni di velluto coste con “coder” e giacca di lana grossa.

13. sgrignapola - 11 ottobre 2007

Ah il laptop lo porto nella “gerla”.

14. silvia - 11 ottobre 2007

Grande Sgrigna! Ma non è scomoda in metropolitana?😉

Isa, se vuoi udire una sequenza impressionante di H aspirate e termini incomprensibili prova il bergamasco delle valli!
Io ormai dopo 15 anni di vita con un bergamasco arrivo ad capire o intuire quello fino alla collina … ma oltre è fuori dalle mie possibilità!!

15. sgrignapola - 11 ottobre 2007

La mucca? Eh parecchio, ma ci sono affezionato ormai. Poi adesso hanno tolto gli ingressi a girello nelle entrate del metro. Le davano parecchio noia, si incastrava e tutte le volte mi interveniva la Protezione Animali con delle balle di fieno d’emergenza, un casino! Con le nuove porte scorrevoli la si porta a spasso come un cagnolino.

16. chiaradavinci - 12 ottobre 2007

da oggi aspirando le mie C mi sento meno sola. vi invidio tremendamente i dialetti e i pantaloni di velluto a coste.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: