jump to navigation

Conversazioni immaginarie 21 ottobre 2007

Posted by Isadora in Sammelsurium.
trackback

K.: Scegli di aprire un blog.
I.: Eh, fatto. Anzi no, due blog. E un tumblr. Va be’.
Scegli di scrivere sul blog.
Scrivo, scrivo, insomma, dai, quando posso. Abbastanza, dai.
Scegli di non guardare la classifica, oggi.
Io vorrei non guardarla, poi però ogni tanto mi scappa l’occhio, sai com’è. È che mi ero tutta ringalluzzita quando ero salita improvvisamente, poi son tornata giù tutt’in una volta. Va be’, dai, non l’ho guardata molto.
Scegli di non guardarla neanche domani.
Eh, non so, non so. Ma neanche un’occhiatina piccola piccola?
Scegli di creare valore.
Ma guarda, io ci provo anche, ogni tanto. Però bisogna andarci piano col “valore”, ché se no calano subito gli abbonati al feed.
Scegli di non mendicare link.
Mai fatto. Infatti, come dire, non è che ci nuoti proprio, nei link.
Scegli di non partecipare.
Eh, ma figurati! Son qui che me la tiro che è una bellezza.
Scegli di dire qualcosa di diverso.
Eh.
Scegli di esserci, ma non sempre.
Ma guarda, non è che sia proprio una scelta, comunque, sì, tra lavoro, marito, casa e ogni tanto (ma poco, eh) qualche svago… un bel da scegliere!
Scegli di prendere un bel respiro.
Ma anche due, dai.
Scegli di non scrivere nulla se oggi non hai idee.
È esattamente quello che sto facendo.
A volte è bello non avere idee.
Eh, infatti. Vengono fuori le cazzate più belle, quando non si hanno idee. Guarda qua che roba!
Scegli di spegnere Twitter.
Ma non l’ho manco acceso, guarda.
Scegli di non scrivere su Twitter, no, non ancora.
Né ora né mai. Anche perché io, purtroppo, per mantenermi devo andare a lavorare quelle otto-dieci (ogni tanto anche undici) ore al giorno. E, no, non mi pagano per cazzeggiare su Twitter, no.
Scegli di contare fino a dieci quando scrivi un post.
Buona questa, me la segno. Se lo facessimo tutti…
E scegli di metterti nei panni di chi lo leggerà.
Oddio, io ci provo anche, infatti ogni tanto metto anche qualche ricettina buona, ché ho visto che ne arrivano tanti che cercano “cosa cucino”, “roast beef”, “torta di mele”…
Scegli di dire “no grazie” anche se vorresti accettare.
Guarda, se qualcuno chiede, ci provo. Poi ti dico.
Scegli di sorridere.
Sempre.
Scegli di diminuire le fonti.
Eh?
Scegli di uscire di casa.
Tutti i giorni, guarda. Per tante, tante ore. Ma proprio tante.
Scegli di socializzare dentro e fuori la rete.
Non cominciamo ad allargarci.
È pur sempre il tuo mondo.
Dentro o fuori?
Scegli di esprimerti per quello che sei.
Meglio di no, guarda.
Scegli di non fare male agli altri.
Ecco, appunto.
Scegli di dare un link a chi lo merita.
E ogni tanto uno anche a chi non lo merita, va là che oggi siam buoni, che è domenica.
Scegli di ignorare chi non lo merita.
Tutti?
Scegli di vivere in rete, ma prima ancora scegli di vivere.
Ma guarda, non è che sia sempre dipeso da me, ma io, di mio, ce l’ho messa tutta. Chiudiamo qui, va là, che è meglio…

Commenti»

1. Paolo Pelloni - 22 ottobre 2007

come ti capisco🙂

Anche io ho questa idea, chissáperchépoi, che per stare su Twitter ci voglia un sacco di tempo – libero – da altre cose. Ma sará vero?

2. isadora - 22 ottobre 2007

Ciao Paolo, non ho mai provato, quindi non saprei. Diciamo che, se non ne fai un uso autistico, ma leggi anche i cinguettii altrui, a seconda del numero dei tuoi contatti, può anche diventare un’occupazione a tempo pieno. Io so che tra telefono, mail, riunioni, gente che passa “per caso” dal mio ufficio e, ogni tanto, un po’ di lavoro “vero e proprio”, talvolta faccio fatica anche a trovare il tempo di fumarmi una sigaretta in santa pace…

3. any - 28 ottobre 2007

uhm… ma che è? se se se allora sarai un uomo figlio mio? il superdecalogo del bloggaro maturo e responsabile? ma io vengo qua per cazzeggiare…🙂

4. isadora - 28 ottobre 2007

Eh, ma infatti…🙂
Comunque se vuoi ridere (o piangere, fai tu) vai a vedere i commenti osannanti al post originario… li manderei tutti a zappare le patate, io, altroché storie…

5. Depa - 2 novembre 2007

Io vengo qui per cazzeggiare e per pensare assieme. Ma rilassato (vien difficile da sostenere, pensando ai commenti passati, ma è così).
Questo post è l’ideale, il giusto mezzo. Divertentissimo e, se confrontato con l’originale, anche geniale.

Sembra la pubblicità: ‘scegli di …’ e intanto di suggeriamo noi cosa scegliere.
Scegli di continuare così😉

6. isadora - 4 novembre 2007

😀

7. odiamore - 7 novembre 2007

Mi sento “a casa”, grazie🙂
Domanda da neofita stanca e addormentata: cosa significa “Scegli di creare valore”?

8. isadora - 7 novembre 2007

Che bello, odiamore! Quanto alla domanda, guarda, non ho capito neanch’io, e poi mi sto ancora scervellando sul significato di: “Scegli di diminuire le fonti.”😎


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: