jump to navigation

-38 17 novembre 2007

Posted by Isadora in ParentiSerpenti.
trackback

Parlare di Natale a metà Novembre mi fa venire la pelle d’oca, ma alla prima spolverata di neve di questi giorni ed alle vetrine luccicanti dei negozî si è aggiunto oggi l’indizio più pesante e (da me) temuto: la famigerata lista dei regali per i parenti di mio marito.

Questo piccolo atto di terrorismo familiare è stato introdotto anni fa dalla mia ormai nota suocera, probabilmente in seguito ad un mio commento piuttosto piccato di fronte all’ennesimo orripilante regalo da parte di mia cognata. Il commento era stato piazzato intenzionalmente nella speranza di piantare nel fertilissimo cervello della suocera il seme del dubbio sul senso dei regali obbligati di Natale fra persone adulte; il risultato è stato uno degli autogol più sonori del secolo: la nascita della lista dei regali di Natale.

Si tratta di un orribile foglio excel con una colonna di colore diverso per ogni membro della famiglia che viene spedita in modalità catena di S. Antonio (inclusi anatemi della suocera in caso di ritardo nella compilazione) a tutti gli indirizzi di posta elettronica dei soggetti listati, generando un traffico spropositato per raggiungere tre (ripeto: tre) nuclei familiari in totale (di cui due situati a circa cinquecento metri di distanza).

La cosa più tragica di questa lista è che, negli anni, è diventata un vero e proprio affare di stato: se all’inizio ci si limitava a scrivere un paio di titoli di libri e cd tanto per evitare il delirio della suocera, ora, a causa di un paio di sabotaggi da parte mia e del consorte, si è trasformata in una lista della spesa a prova d’imbecille, con tanto di numero dell’articolo, negozio in cui effettuare l’acquisto e prezzo consigliato.

Ora io mi chiedo: ma che senso hanno i regali fatti così? Perché devo passare ore a concentrarmi per pensare a possibili regali che mi potrebbero piacere, che non superino un certo prezzo e ai quali possa rinunciare fino alla fine di dicembre invece di comprarmeli quando mi pare e se ne ho bisogno?
Che cosa c’entra tutto questo col Natale? E, soprattutto, come faccio a convincere mia suocera a limitare la lista ai regali per le nipotine e a piantarla con questa pagliacciata?

Commenti»

1. Brirga - 17 novembre 2007

essendo il primo leggo: Commenti >> no comments yet.

E in effetti basterebbe sottoscriverlo….. prima ho sempre evitato i regali di Natale. L’anno scorso grande eccezione, più che altro per creare l’atmosfera di scartarli (ma erano limitati a noi 3 in famiglia). Quest’anno forse si replica il Christmas Shopping … visto che la figlia ha oltre 2 anni e mezzo e se lo godrà di più.
Effettivamente la lista però sembra oltre il bene ed il male come si suol dire…..

2. isadora - 17 novembre 2007

D’accordissimo per i bambini, infatti vorrei proporre che ci si limitasse a loro, anche se mi piacerebbe poter regalare alle mie nipotine quello che pare a me e non quello che scrivono i genitori sulla lista (ma è un discorso lungo, troppo lungo…)

3. donmo - 17 novembre 2007

Cara Isa, ma perchè invece del foglio excel non aprite un wiki? Dai, è molto più geek😉
Ed ora mi faccio serio e ti faccio una domandina (è solo una curiosità, ma sono curioso, vabbè): ma anche in Germania i supermercati espongono i panettoni a fine ottobre? Io ho notato che il mio anticipa ogni anno l’esposizione e temo che di questo passo fra un po’ arriveremo a ferragosto (e purtroppo non è una battuta).

4. Ivo Silvestro - 17 novembre 2007

Nel mio caso la lista è scritta in prima persona dai nipoti, e contiene pure cose poco modeste!

5. sgrignapola - 18 novembre 2007

Quando si dice la precisione teutonica

6. isadora - 18 novembre 2007

donmo, per carità, ci manca solo il xmas wiki…
Qui hanno comincato all’inizio di Novembre, è un delirio!!

Ivo, le nipotine sono ancora piccole, ma già cominciano ad avanzare pretese…😉

Sgrigna, la suoceritudine non conosce confini geografici…

7. isadora - 18 novembre 2007

Aggiornamento: in occasione della riunione familiare odierna ho espresso il mio disappunto e mi sono chiamata fuori dalla lista, facendoci la solita figura da stronza. Quel vigliacco del consorte, appena fuori dal campo uditivo materno, si è rallegrato come una pasqua.

8. jaco - 19 novembre 2007

Isa, metti un virus nel foglio excel di modo che ad ogni successivo passaggio di consegna della lista tutti i regali ne risultino irrimediabilmente mischiati. Questo potrebbe condurre a risultati del tipo

– un rasoio da barba per tua suocera
– una mutandina di pizzo per il cognato
– un coniglietto rosa per il nipote palestrato

e così via.

9. isadora - 19 novembre 2007

Uahuah, jaco, ottima idea… quasi quasi lo faccio anche se mi son chiamata fuori!!😎

10. Anja - 20 novembre 2007

No no aspetta non ho mica capito… è un foglio in cui ciascuno scrive cosa vuole regalare agli altri tipo matricione (e addio effetto sorpresa?) o in cui ognuno scrive cosa desidererebbe in una o più alternative?

11. Any - 20 novembre 2007

gurgle…
terrificante… e io che credevo che il civilizzato nord europa fosse libero da certe tare… la suoceritudine è davvero una piaga che non conosce confini… X(

12. isadora - 20 novembre 2007

Anja, è un matricione ed è terribile, perché poi, dopo aver scritto cosa si desidera (possibilmente con link all’online shop e nro dell’articolo) la lista rifà il giro ed ognuno deve scrivere cosa intende regalare. Tra un giro e l’altro ci sono poi le discussioni telefoniche del tipo: “Ma questo l’ho già comprato io”, “Ma questo lo volevo regalare io” e così via. Vero e proprio terrorismo, a mio parere. Invece cognato e suocera, che sono i coautori del misfatto, mi hanno guardata sbigottiti quando ho detto che sarebbe ora di lasciar perdere e che ognuno si comprasse quello che vuole; la cognata ha accennato un: “Ma io mica me le compro da sola, quelle cose lì”, facendomi inalberare ancor di più. Va be’. Comunque ora sono la cattiva che ha rovinato lo spirito del Natale.

Any, tutto il mondo è paese, credimi, e l’imbecillità non è razzista…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: