jump to navigation

Der Adventskalender 2 dicembre 2007

Posted by Isadora in PilloleDiGermania.
Tags:
trackback

Adventskalender
Una delle tradizioni che più mi piacciono del Natale tedesco è quella dell’Adventskalender: un calendario oggi standardizzato a 24 caselle che accompagnano i giorni dell’Avvento fino a Natale.
L’usanza risale al XIX. secolo, quando la celebrazione del Natale entrò nei salotti borghesi: le famiglie credenti appendevano al muro un’immagine per ogni giorno dell’avvento, un modo per solennizzare l’attesa dell’arrivo del Natale e renderla tangibile anche per i bambini. Un’altra usanza legata alla celebrazione dell’attesa è in Germania quella dell’Adventskranz, la corona dell’Avvento, una corona di rametti d’abete intrecciati con quattro candele che vengono accese una ad una nelle quattro domeniche dell’Avvento, a celebrare la venuta di Cristo alla fine dei tempi, la preparazione all’arrivo del Salvatore, San Giovanni Battista e la Vergine Maria.

In passato e talvolta ancora oggi le mamme tedesche preparavano un calendario dell’avvento da mangiare, più spesso si ricorre ad un calendario di produzione industriale: si dice che l’idea di fare un calendario stampato per l’Avvento l’abbia avuta un certo Gerhard Lang, che nel 1908 commercializzò il primo calendario dell’Avvento “industriale” con 24 immagini da ritagliare ed incollare su un pannello con 24 apposite caselle. Negli anni Venti fecero la loro comparsa i primi calendari con porticine da aprire. La produzione fu interrotta durante la seconda guerra mondiale; nel ’58 alla carta si aggiunse la cioccolata.

[L’immagine riportata è di un calendario dell’Avvento in vendita su Adventskalender.net]

Commenti»

1. Kurenaikoori - 2 dicembre 2007

Me li ricordo, i calendari dell avvento a finestrelle con dentro i cioccolatini!!! Nn so se ora li fanno ancora…e nn so voi, ma nn penso di averne mai finito uno “lealmente”…XD

2. amosgitai - 3 dicembre 2007

E che dire dei Weihnachtsmarkt che si svolgono in Avvento?
Fantastici!!!

3. donmo - 3 dicembre 2007

Già, è davvero una bella tradizione. Ora sta attecchendo anche in Italia, ma non c’è paragone con i calendari dell’Avvento tedeschi (e anche inglesi, per la verità)

4. isadora - 3 dicembre 2007

Kurenaikoori, sì, li fanno ancora, credo che ci siano anche della Ferrero, qui. I più belli, per me, sono quelli fatti in casa, a mano, per una persona speciale.

amosgitai, sì, con l’avvento arrivano anche quelli🙂

Ciao donmo, sì, è una bella tradizione, anche se per le mie nipotine, ormai, Natale è solo un’abbuffata di cioccolato e tanti regali da nonne e zie in concorrenza…😦

5. Pacina - 3 dicembre 2007

ahh!
io ricevo un calendario dell’avvento tutti gli anni…ed esaltommi parecchio😀

6. chiaradavinci - 4 dicembre 2007

Io non sopporto il Natale, né l’atmosfera natalizia in genere, però regalo e ricevo ogni anno diversi Adventskalender e sono proprio contenta. E’ bello prendersi il tempo per prepararli e sapere che qualcuno se lo prende per prepararlo a te. E preferisco essere felice tante volte per delle piccole cose che non una volta per una cosa grande, che il più delle volte poi non mi piace nemmeno.

7. Federico - 4 dicembre 2007

Anche qui in Svezia i calendari dell’avvento (di matrice tedesca) sono diffusissimi…certo che quelli fatti in casa devono essere tutta un’altra cosa…ma mi accontento ugualmente.
Saluti!

8. isadora - 5 dicembre 2007

Ciao Federico, ben arrivato! Io mi riprometto ogni anno di farne uno per mio marito, ma me ne ricordo sempre troppo tardi…

Chiara, io non sopporto un certo modo di festeggiare il Natale e tutta la gioia forzata, i regali di circostanza e così via, ma è come dici tu, è bello prendersi il tempo per preparare una sorpresa e sapere che c’è qualcuno che lo fa per te. Accade purtroppo raramente.

Pacina, sì, è una bella tradizione.

9. Chico - 6 dicembre 2007

A proposito di tradizioni di Natale, la signora Heinemann, Stadträtin di Norimberga, lancia la sua crociata contro Babbo Natale per difendere il Nikolaus.

http://www.nn-online.de/artikel.asp?art=738629&kat=10

Isa, è “un po’” fuori tema, ma volevo dire che ho apprezzato il tuo commento al post di Beda Romano sulla scuola tedesca.

10. isadora - 6 dicembre 2007

Hehe, Chico, effettivamente Babbo Natale è un’americanata…🙂

Ho risposto di là, ma credo che non frequenterò più, ché le discussioni con Giovannino mi fanno alzare la pressione…

11. Depa - 7 dicembre 2007

Ciao a tutti,
io pure non avevo mai sentito di calendari dell’Avvento in Italia (e l’ho girata parecchio – mio padre era ufficiale dell’esercito e nei primi 30 anni ho fatto 15 traslochi), ma, udite udite, non sono proprio di recentissima introduzione, almeno non in tutta Italia: mia moglie e sua madre prima di lei, li hanno sempre visti. Non risaliamo fino al XIX sec., nè al 1908, ma, con mia suocera siamo nella prima metà del secolo scorso e con mia moglie oltre i 35 anni fa (non vi dico quanto oltre, accontentatevi).
Ora, è vero che il VCO (Verbano Cusio Ossola) è a pochi minuti dalla Svizzera ed è pure vero che non mi farete dire neppure sotto tortura che chi abita da queste parti è quasi Svizzero (la vicinanza crea attriti: se volete offendere qualcuno da queste parti ditegli che proviene da uno dei cantoni…), ma siamo a tutti gli effetti in Italia.

E, comunque, sarebbe un segnale che anche in Svizzera è una tradizione da tempo, no?😉

12. Oscar Ferrari - 8 dicembre 2007

Non me ne parlare, qui a Bolzano gli Adventkalender li trovi anche nella cassetta della posta, sono dappertutto

13. isadora - 9 dicembre 2007

Depa, credo di sì (anche se non sono sicura di aver capito bene…)

Oscar, sì i sudtirolesi sono, come si dice in tedesco, päpstlicher als der Papst quando si tratta di fare i tedeschi😀

14. Cicerone - 18 dicembre 2007

No, i sudtirolesi non vogliono né fare i tedeschi né essere scambiati per tedeschi (nel senso di “originari della Germania”).

15. susanne biscosi - 4 dicembre 2011

Ciao Isa, bello questo tuo post. Ho scoperto il tuo blog per caso alla ricerca di materiale sull’avvento in Germania. Mi sono permessa di utilizzare il tuo testo come base da partire per il mio blog di apprendimento del tedesco indicandone la fonTe. Ma verrò ancora a trovarti per conoscerti e scambiarci su cose umane che riguardono molti! Grazie di cuore und Frohe Adventszeit!

16. susanne biscosi - 4 dicembre 2011

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: