jump to navigation

Tutto… in una volta 7 gennaio 2008

Posted by Isadora in Sammelsurium.
trackback

La Creazione di Adamo
Con questo titolo è andata in onda nell’ultimo giorno dell’anno appena passato, su rai 3, un’interessantissima trasmissione condotta da Corrado Augias dedicata agli affreschi della Cappella Sistina ad opera di Michelangelo. Nel desolato panorama di labbra a canotto e calendar girls offerto dalla televisione italiana, un vero e proprio regalo, come Augias stesso definisce la puntata in questione.

Trasmissioni che si occupano in modo più o meno divulgativo e/o noioso di opere d’arte ce ne sono abbastanza spesso: quello che mi ha colpita di questa trasmissione in particolare, a parte la spocchia del conduttore, è l’innovativa lettura dell’opera, guidata da un libro di recente pubblicazione, “La Sistina svelata” di Heinrich Pfeiffer, che si occupa dettagliatamente della simbologia degli affreschi, inserita nel contesto delle riflessioni teologiche del tempo e ce la rivela immagine per immagine. I venti minuti di trasmissione, che si occupano solo di alcune immagini, quelle più note, scorrono via velocissimi grazie alle chiose dell’autore del libro, presente in studio, lasciando il desiderio di saperne di più.

Se ve la siete persa, avete la possibilità di guardarvela con comodo su rai.tv: I messaggi nascosti della Cappella Sistina. Consideratelo il mio regalo per augurarvi Buon Anno.

Commenti

1. donmo - 7 gennaio 2008

Uh che bello! Ricordo ancora con emozione la mia visita alla Sistina. Per avere una prospettiva diversa mi misi anche sdraiato per terra, peccato che poi arrivo un addetto del servizio d’ordine a dire che non si poteva (chissà perchè, poi). Comunque grazie della segnalazione e buon anno anche a te:)

2. Caminadella - 7 gennaio 2008

Grazie della splendida segnalazione.
Non so però se basterà per convincermi a pagare il canone, quest’anno.

3. Marco - 8 gennaio 2008

Perché dici che Augias è spocchioso?

4. isadora - 8 gennaio 2008

donmo, nicola, lieta che la segnalazione vi sia piaciuta (io medito di acquistare il libro che, nella versione tedesca, costa esattamente la metà di quella italiana… mah!).

Marco, a me irrita molto l’atteggiamento di Augias nei confronti dei suoi ospiti (specialmente di quelli che non parlano perfettamente l’italiano) e anche dei suoi collaboratori. Anche in questa puntata lo vedi far saltare di qua e di là la povera Cristina, dare ordini alla regia, “riprendere” il pubblico a suo parere distratto, ignorare uno degli ospiti (il Prof. Wiener) e rimbrottarlo quando qualche frase non gli viene proprio bene. Tu come lo definiresti?

5. Marco - 8 gennaio 2008

Ma è il suo modo di condurre (e forse il suo modo di essere), ironico ed autoironico, critico ma in senso buono.

6. isadora - 8 gennaio 2008

Boh, a me sembra più arroganza che ironia, ma probabilmente mi sbaglierò io. L’essere critici non è comunque una scusa alla cafonaggine nei confronti di collaboratori, ospiti e pubblico.

7. donmo - 8 gennaio 2008

Personalmente l’ho sempre pensata come Isadora, riguardo ad Augias: è davvero spocchiosissimo. Il bello è che ho avuto un docente che gli somigliava in tutto e per tutto. Non solo era spocchioso come lui, ma gli somigliava persino fisicamente. A volte, all’inizio della lezione, mi trovavo a pensare: ma che ci fa stamattina Augias in cattedra? Giuro, dovevo darmi dei pizzicotti per convincermi che non di lui si trattava.

8. isadora - 8 gennaio 2008

Ma a me sembrava meno arrogante, due o tre lustri fa. La vecchiaia fa brutti scherzi (o a me che sono diventata più sensibile o a lui a cui è aumentata la spocchia).

9. rocco - 8 gennaio 2008

Ciaoo…stò cercando di sviluppare un sito web – blog di recensioni di film,serie tv e videogiochi e altro…
ti và di fare uno scambio link nel blogroll?

grazie e a presto

10. isadora - 8 gennaio 2008

rocco, anche se avessi un blogroll (concetto al quale sono assolutamente contraria) non parteciperei a “scambi link”. Dubito poi che abbiamo lo stesso tipo di target. Buon lavoro col nuovo blog.

11. Marco - 9 gennaio 2008

Cafonaggine nei confronti dei collaboratori? Ma se adora il suo pubblico, le due donzelle ed i tecnici; secondo me, volete vedere malafede dove non c’è.

12. isadora - 9 gennaio 2008

Marco, il tema del post era la trasmissione, anzi no, il libro di Pfeiffer, presentato nella trasmissione, ambedue oggetto della mia ammirazione.

Per quanto riguarda Augias, sinceramente, ce ne vorrebbero altri tre o quattro, anzi no, meglio cinque o sei, almeno uno per canale televisivo e anche un paio nelle redazioni delle maggiori testate: ciò non toglie che io non mi permetterei mai di rivolgermi ai miei collaboratori (“le due donzelle” non è un termine che userei, per esempio) come fa lui, specialmente in pubblico. Per quanto mi riguarda, credo di aver detto tutto quello che volevo dire.

13. stefigno - 9 gennaio 2008

augiuas(scritto bene?) a volte lo è spocchioso è vero…
e questo regalo , lo prendo subito e lo vado a scartare😉
Buon anno Isa!!🙂

14. isadora - 10 gennaio 2008

Buon anno a te, Stefigno!😉

15. Marco - 13 gennaio 2008

Se io e te collaboriamo da diversi anni ad un progetto, ci può stare che in pubblico mi prendo delle libertà che con altre persone non mi permetterei di prendere; questo non significa crocifiggerti in sala mensa, ma scherzare con chi so che posso permetterlo.

Detto questo, leggerò il saggio di Pfeiffer e ti farò sapere cosa ne penso. Passo e chiudo anch’io.

16. sgrignapola - 14 gennaio 2008

Brava Isa, bella segnalazione.
Non sapevo che il mantello di Dio avesse la forma del cervello umano. E’ un’immagine eccezionale come se nel cervello ci fosse la totalita’ – il destino e la sorgente – biologica della razza umana con la sua storia e le sue scoperte, ma anche la totalita’ spirituale e mistica.

E poi mi e’ piaciuto Satana. Sembra un robot giapponese che sorge dal fuoco; nascosto, ma estremamente potente e cattivo. E anche durante giudizio, sembra tutto fourche’ domo.

17. isadora - 14 gennaio 2008

Sgrigna, quella del mantello con la forma del cervello umano ha colpito anche me (ed altri amici che hanno visto la trasmissione), non vedo l’ora di avere il libro per scoprire tutto il resto!

Grazie Marco, spero che ti piaccia.

18. sgrignapola - 14 gennaio 2008

L’unico prolema e’ il prezzo.

19. isadora - 14 gennaio 2008

Effettivamente la versione italiana costa il doppio di quella tedesca… mah!

20. sgrignapola - 15 gennaio 2008

Il doppio?! Spero che almeno le due edizioni siano diverse.

A giudicare dal video quella italiana e’ di stralusso. Sembra piu’ simile ad alla bibbia delle feste grandi del patriaca di tutte le russie che ad un testo di consultazione.

Se Bossi fosse ancora vivo griderebbe alle gabbie salariali

21. isadora - 15 gennaio 2008

Non ho vista nessuna delle due “dal vivo”, quella tedesca è questa e qui c’è quella inglese, una via di mezzo…

22. isadora - 15 gennaio 2008

Ho appena scoperto che il prezzo-bazza è valido solo fino al 31 gennaio – ordinato!

23. sgrignapola - 15 gennaio 2008

Si’, ma va bene l’Europa a due velocita’ ma qui si esagera, c’hai pure il Kostenlose Lieferung

In US costa $78.75, non male, anzi.
;-P

24. Michelangelo - 28 gennaio 2008

Ottimo post che sottoscrivo in pieno! Val la pena sottolineare quel poco di buono che la tv riesce a propinarci una volta tanto.
Purtroppo sono riuscito a seguire solo gli ultimi minuti del programma. Grazie per la segnalazione del link

Michelangelo


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: