jump to navigation

Flädle (Minestra di frittatine) 10 dicembre 2007

Posted by Isadora in IsaInCucina, PilloleDiGermania.
comments closed

Ora, questo, decisamente, non è un food blog, no. Non ci provo nemmeno. Questo blog contiene 304 articoli suddivisi in 19 categorie e la bellezza di 3115 commenti (e qualcosa come 35800 commenti spam). Di quei trecentoquattro post, ben otto sono ricette (semiserie). A guardare le statistiche riguardanti le chiavi di ricerca con cui arrivate qui dovrei dire: grazie al cielo che li ho scritti. Quindi ora ve ne beccate un altro (e sono nove).

I Flädle sono una specialità della Svevia. Il nome sta per piccole frittate, anche se, a dire il vero un Fladen (che è la versione grande del Flädle) è anche un’altra cosa brutta che fanno le mucche, ma è meglio che non scenda in particolari. Ora, che ci fanno, in Svevia, con le frittatine (o crespelle che dir si voglia)? Le arrotolano e le tagliano a striscioline, e poi le mettono in una bella scodella di brodo fumante. Sono buonissime e semplici da fare (tra l’altro si prestano anche per essere fatte con la farina senza glutine); se è buono anche il brodo, è un ottimo primo piatto per una cena invernale.
leggi la ricetta >>

Annunci

Vellutata di lenticchie 21 settembre 2007

Posted by Isadora in IsaInCucina.
24 comments

Questa ve la vendo per come l’ho comprata, visto che ancora non ho avuto modo di verificare. Dicevo che sono stata in Umbria e che, tra le altre cose, ho visitato anche Castelluccio, che è famosissimo per le lenticchie, che dovrebbero essere di qualità eccezionale. Fatto sta che io le lenticchie le ho comprate, anche se faccio fatica a mangiare persino quelle d’obbligo per capodanno. Son qui che mi rigiro sto pacco di lenticchie portentose ed improvvisamente mi viene un’illuminazione: ma non avevo salvato da qualche parte la ricetta della leggendaria vellutata di lenticchie che servono nientedopodimeno che all’altrettanto leggendario Burj Al Arab di Dubai?

Detto: fatto. L’ho ripescata dai meandri dei miei portentosi archivi digitali (vorrei tanto citarvi la fonte, ma non ho la più pallida idea di dove l’abbia presa) e la proverò al più presto (anche perché prima devo procurarmi alcuni degli altri ingredienti…) Se volete provarla anche voi, la metto qui – buon appetito!
continua se vuoi la ricetta »

IsaCucina (meme) 18 luglio 2007

Posted by Isadora in IsaInCucina.
15 comments

Arriva un meme dalla carissima Placida che mi è subito piaciuto (io ho una discreta avversione per catene e consorti, ma questo ha risvegliato la mia creatività). Nello specifico si tratta di fotografare la propria cucina. Io, che sono un’amante della sintesi, mi sono imposta di limitarmi alle tre cose a me più care. Sono diventate quattro, ma insomma, facciamo finta che.

La mia preferita, quella con cui mi scontro tutte le mattine, ma che, con la dovuta pazienza, sa regalarmi i migliori caffè: la peppina.

La Peppina

La compagna di tanti panini con salumi varî amorevolmenti nascosti nella valigia dall’Isamamma:

Affettatrice

I mille libri di cucina che si affollano sugli scaffali (solo un paio, ché tutti, nella foto, non ci stavano):

Letteratura

Da ultimo, ma non per importanza, il vero totem della mia cucina: il forno/piano di cottura. Ha una storia travagliata, forse un giorno ve la racconterò. Ed è il miglior forno/piano di cottura che io abbia mai avuto.

Lui

Passo la palla, se vogliono coglierla, ad un paio di persone delle quali sarei curiosa di vedere la cucina: chiara, perec, gourmet, christian e eulinx.

Stoccarda per buongustai 22 giugno 2007

Posted by Isadora in IsaInCucina, Stoccarda.
27 comments

Pierluigi Mennitti cura su ideazione una rubrichetta molto gustosa sulla Germania, intitolata Alexanderplatz, in cui racconta la Germania vista da Berlino, dove mi sembra di capire che si trovi attualmente. Oggi è uscito su questa rubrica un bel pezzo intitolato “Il mondo in tavola“, che descrive il fenomeno qui molto diffuso della presenza di svariati ristoranti etnici.
Parlando della cucina tedesca e delle possibili ragioni di questo fenomeno scrive una cosa che io condivido assolutamente:

In verità in Germania non è tanto la tradizione culinaria a mancare. Nel Sud si mangia molto bene, il Baden-Württemberg è una regione la cui cucina ha poco o nulla da invidiare alla vicina e più rinomata cucina francese.

Questa è una cosa che dico spesso anch’io e che provoca in alcuni miei conoscenti di lingua italiana un profondo stupore. Eppure non sono la sola ad affermarlo: nella sola zona di Stoccarda, il capoluogo del Baden-Württemberg, ci sono ben quindici stelle Michelin. A seguire, la lista dei ristoranti.
continua a leggere »

Pollo yaasa 19 febbraio 2007

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

È da un po’ che non ho più avuto tempo (modo, occasione) di sbizzarrirmi in cucina: troppo lavoro, poi anche il trasloco, ci è voluto un sacco di tempo (e di fatica) per arrivare al punto di poter nuovamente cucinare come si deve. Fatto sta che da settimane aspettavo di poter sperimentare un piatto gustato uno degli ultimi giorni dell’anno appena finito ad un’improbabile festa francese/senegalese alla quale sono capitata come ospite d’attracco in quel di Bologna: il pollo yaasa, un piatto tipico del Senegal a base di pollo (appunto), cipolle e limone; ipocalorico, gustoso e aromatico. E, per dirla tutta, anche facile da fare ed economico. Una specie di miracolo, insomma.
continua a leggere >>

Cosa cucino oggi 26 luglio 2006

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

Eccoti là, fa un caldo che ti si sciolgono i neuroni impappinandosi insieme a quelle tre sinapsi superstiti, al solo pensiero di mangiare roba calda ti raddoppia la traspirazione, ti sta venendo la fobia da caprese e quando vedi prosciutto e melone ormai ti viene da fare un esorcismo e allora, che fai? Ecco, sì, cerchi una ricetta nuova in internet. Peggio per te, ché oggi mi prendeva così e ora te ne metto una che (forse) fa al caso tuo (o anche no, ma, insomma, provala prima, dai).
continua a leggere >>

Gli zucchini ripieni 25 giugno 2006

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

Tempo fa, sul blog della Viss, si parlava di zucchini (è un argomento ricorrente) e Placida aveva promesso la ricetta degli zucchini ripieni. Placida ha presto mantenuto la promessa, mentre io (che poi non avevo promesso nulla) ho perso un attimo di vista l’argomento. Non so come, mi è tornato in mente stamattina e siccome gli zucchini a me piacciono in tutte le salse e la mia ricetta per gli zucchini ripieni è completamente diversa da quella di Placida, ho deciso di mettere qui la mia e mi sono riproposta di provare presto la sua, ché mi sembra dimolto appetitosa.
continua a leggere >>

Che si mangia? 24 giugno 2006

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

Quand’ero ragazzina odiavo sentirmi chiedere alle otto del mattino che cosa avrei voluto mangiare per pranzo o, ancora peggio, per cena. Era una delle prime domande che mia madre o mia nonna mi rivolgevano con apprensione ogni mattina ed io, che non riuscivo a capacitarmi del fatto che queste due donne non avessero altri pensieri più importanti o più interessanti per la testa, rispondevo un po’ spazientita servendomi di un armamentario di risposte pronte che avevo assemblato e cesellato nel corso degli anni.
continua a leggere >>

Strumento del male 7 maggio 2006

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

Matt Flynn per Museo Cooper-Hewitt - Particolare
Immagine: Matt Flynn per Museo Cooper-Hewitt – Particolare
continua a leggere >>

La torta di mele 19 novembre 2005

Posted by Isadora in IsaInCucina.
comments closed

L’autunno porta la pioggia, la nebbia, le giornate corte e tanti sapori, provenienti dall’estate appena passata. E ogni autunno, ormai da qualche anno, il contadino mi regala un paio di chili di mele, che mi mettono un po’ in crisi, perché ho sempre paura di non riuscire a consumarle e mi spiacerebbe buttarle. Così la torta di mele è diventata ormai una piacevole consuetudine che riscalda, in compagnia di una tazzona di tè fumante, le mie domeniche d’autunno riempiendo la casa di un morbido ed accogliente profumo di mela e di cannella.

La ricetta è semplice ed il risultato fenomenale. Io, domani, la rifaccio. Così:
continua a leggere >>